Regola#318nonpuoimodificaregeneticamentelavita

foto32

NON PUOI MODIFICARE GENETICAMENTE LA VITA

Succosa. Spugnosa. Dissetante.
Inebriante anche soltanto ad annusarla.
Vado pazza per l’anguria. D’estate ci vivrei, mangiando solo anguria.
Non fosse per quei fastidiosissimi e fottutissimi semini neri che non sopporto,
che mi danno un fastidio tale che porca miseria siamo nel secondo millennio,
la possiamo inventare un’anguria senza semini o no?

Giornate lunghe e piene di sole. Piene di luce. Piene di odori
fieno fiori persino le nuvole a volte profumano
Vado pazza per l’estate. Ci sono nata, e fosse per me dovrebbe essere sempre estate.
Non fosse per le zanzare che per quanto tenga casa chiusa entrano dappertutto
e di notte non dormo
e non fosse per i temporali d’improvviso che c’ho il terrore della grandine
e non fosse per il caldo assurdo che a volte mi sveglio e appiccico di già.
Porca miseria, siamo nel secondo millennio,
la possiamo inventare un’estate senza zanzare e grandine e caldo afoso assurdo o no?

No, che non possiamo.
Anche se siamo nel secondo millennio, ci sono delle cose che non possiamo modificare geneticamente.
Perchè – grazie al cielo – ci sono cose che non possiamo cambiare, e che vanno bene proprio perché autentiche.
L’anguria ha i semini. Le ciliegie il nocciolo. Le olive pure.
L’estate è fatta anche di zanzare e temporali e afa.

E con la vita funziona uguale.
Perchè pure la vita è succosa e spugnosa e dissetante e inebriante e lunga e piena di sole e luce e odori.
Anche della vita ci si deve andare pazzi.
E deve andarti bene anche se piena di semini e noccioli e temporali e afa.
Fa tutto parte del pacchetto.

E quando i fastidi della vita sembrano sempre più numerosi delle cose belle, c’è una cosa che puoi fare per sfogarti, che poi è esatttamente quello che faccio io con i semini dell’anguria.
SPUTALI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.