Regola#93guardatidalpuntodivistadichitistaparlando

93
…è come costringere le persone che hai accanto a vedere un film in 3D senza gli occhiali…
GUARDATI DAL PUNTO DI VISTA DI CHI TI STA PARLANDO

Dicono sia più facile provare a cambiare la testa degli altri, che la propria.

Io credo sia vero. E credo che ognuno di noi sprechi troppo tempo ed energia per tentare di convincere gli altri ad avere ragione, quando la soluzione è semplicemente rendersi conto che in tutte le cose esistono due punti di vista differenti.

Ci sei tu che vivi il mondo, e c’è il mondo che vive te. E le immagini non devono per forza coincidere, anzi, forse non lo fanno quasi mai, e se pretendi che tutti vedano quello che vedi tu, è come costringere le persone che hai accanto a vedere un film in 3D senza gli occhiali.

Pensa alla persona più distante da te che conosci. Pensa all’ultima persona con cui hai discusso animatamente. Chiudi gli occhi e prenditi due minuti per pensare al nervoso che ti è salito allo stomaco, al disagio che quella persona ti ha fatto provare; al senso di ingiustizia, alla rabbia che ti ha riempito la testa quando hai finito di discuterci per spiegare una cosa per te OVVIA.

Come ti sei sentita? Come ti senti tutte le volte che non riesci ad averla vinta con qualcuno?

Te lo dico io. TI senti frustrata. Ti senti svuotata. Ti senti vittima di un sistema sbagliato. Adesso dimmi, ti piace questa sensazione? Ma soprattutto, ne vale la pena secondo te? Vale la pena prendersela perché qualcuno non pensa, fa e dice quello che vuoi e ti aspetti?

No. Ragazza mia, no.

Troverai sempre persone che non riusciranno mai a condividere il tuo punto di vista, e non importa se il problema è loro o tuo, perché in realtà il problema non sussiste. Sussiste solo il fatto che ognuno di noi è il frutto di quello che ha vissuto, e non potremmo mai conoscere quello che c’è davvero nella vita di una persona.

Ogni essere umano agisce mosso da mille impulsi differenti, che nascono da un estratto di delusioni e aspirazioni e sogni infranti e successi e tutto quello che negli anni, giorno dopo giorno, hanno plasmato quella persona dal bimbo che è nato a quello che è oggi.

Anche io. Anche tu. Anche la persona che meno riesci a sopportare. Siamo tutti il risultato di quello che abbiamo vissuto, e a volte riusciamo a convivere, altre proprio non si trova un punto d’incontro che sia uno.

La geometria umana non funziona come quella matematica, e a volte ci sono punti per cui proprio non riescono a passare due rette contemporaneamente. Tutto quello che puoi fare quando ti trovi di fronte ad un legame che ti crea disagio perché pensi che il modo di fare di quella persona sia assurdo, è immaginare che anche lei trovi assurda te. E non ci si può fare nulla.

Accetta che ci siano persone che la pensino diversamente da te, guardati dal loro punto di vista. Ti sentirai subito più leggera, meno obbligata a fare andare le cose come vuoi tu.

E sarà tutto più vero. Tutto in 3D. Esattamente come la DONNA DETERMINATA e DIVINAMENTE meravigliosa che sei tu!

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.