Regola#342con-centrati

342

CON-CENTRATI

Non sono stati i tuoni a svegliarti, e nemmeno il vento che fa sbattere il palo della tenda contro la finestra.
È stata la pioggia, ma non tanto per l’insistenza o per il fragore con cui sta venendo giù.
A svegliarti è stata una sensazione, prima ancora che un rumore.

Hai l’impressione che ti stiano pungendo; che ognuna di quelle gocce siano schiaffi che ti menano su tutto il corpo.
Ti senti indifesa come una foglia,  di quelle che crescono senza dare fastidio a nessuno, con l’unico obiettivo di respirare e diventare più verde che si può, finché una mattina ti svegli con centinaia di gocce di pioggia che ti schiaffeggiano dovunque senza sosta, e te non hai alternativa che stare lì a subire tutto questo.

Non fai neanche troppa fatica a chiederti il perché, di questo malessere, perchè tanto lo sai già.
Stai vivendo uno di quei periodi in cui ci sono troppi fili intorno alla tua vita, troppe decisioni da prendere, troppe emozioni da affrontare – e non tutte positive.
Troppa gente che dipende da te, troppe situazioni in cui devi dare il meglio, proprio adesso che vorresti solo poter restare chiusa dentro ad un guscio.

Ti senti fragile, proprio ora che dovresti tirar fuori le palle.
Ti senti confusa, proprio ora che devi decidere se far cambiare direzione alla tua vita oppure no.
Ti senti sola, proprio ora che hai qualcuno accanto.

Ti giri di fianco, rannicchiata, con le coperte che arrivano fin sotto agli occhi.
Ti viene da piangere.

Tanta vita vissuta, tante prove già affrontate, e ancora sei ancora in preda a quella sensazione di terrore che ti fa sentire piccola e inadatta. Eppure sai che devi fare da sola, che questa matassa la devi dipanare tu, perché non ci sono altre soluzioni.
Devi iniziare a sciogliere i nodi, a riavvitare il gomitolo un filo alla volta.

E allora cerchi un punto di riferimento, chiudi gli occhi e provi a calmare i nervi concentrandoti sul tuo respiro, e mentre lo fai ti rendi conto che la soluzione sta tutta in quel verbo li.
Concentrarsi.
Concentrati.
Con-centrati.

Ecco il punto di partenza attorno al quale deve allinearsi tutto il resto.
Sei tu, non puoi che essere tu.

Con-centrati.

Quando le cose diventano troppo complicate, quando non sai da dove cominciare, quando quello che hai perso sembra troppo per poterci vivere anche senza, quando ti sembra tutto troppo grande da affrontare, quando non sai cosa decidere, dove andare, come porti, quando hai paura di affrontare le persone, quando ti senti troppo piccola, quando pensi di non essere all’altezza, quando temi da ferire qualcuno.

Con-centrati.
Metti al centro te stessa, quello che vuoi, quello che può farti stare bene.

Ed impara a ripetere questa parola ogni volta che le cose sembreranno avvolgerti come una ragnatela.
Con-centrati.

Tutto il resto si scioglierà da solo, e capiterà ancora che ti sentirai come una foglia assalita dalla pioggia, ma non ti spaventerà più come sensazione, perchè adesso hai imparato a difenderti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.