Regola#328trasformaipensieriinfarfalle

328-1

TRASFORMA I PENSIERI IN FARFALLE

Li senti, i vermi che strisciano dentro la tua testa?
Li vedi, mentre avanzano tra le tue sinapsi contorcendosi sulla loro stessa figura sgraziata e purtrida?
Lo provi, quel terrore immobilizzante di accorgerti che stanno per uscire dalle orecchie, dagli occhi, dal naso?

Io sì.
Esattamente in questo momento ho il cervello infestato di vermi, come una moderna Dorian Gray inevitabilmente corrotta.
Solo che nel mio caso i vermi non sono l’espressione di azioni ignobili, ma sono pensieri.
Sono quei pensieri che ti si accendono in un momento qualsiasi e non riesci più a  mandare via, e si annidano nella tua quotidianità diventando un’emicrania insopportabile.

E più ci pensi, più i vermi crescono.
Più ci macini attorno, più si riproducono nutrendosi della tua energia del tuo entusiasmo della tua passione della tua sicurezza della tua allegria.

Un’incomprensione.
Un dubbio.
Una foto sul profilo del tuo ragazzo, una battuta strana da parte della tua migliore amica, un problema in ufficio che hanno causato altri ma devi risolvere tu.
Un progetto sempre più lontano.
Tua figlia che ti parla sempre meno, tuo figlio che sembra sempre meno tuo.
Tua madre che sta male e tua sorella che ti si mette di traverso.

Pensieri.
Pensieri che pensi COSì spesso da non riuscire più a pensare ad altro.
E che fai diventare vermi.

E’ davvero questo che vuoi? Ti piace l’idea di avere la testa infestata di vermi?
A me no.
E allora la cosa da fare è soltanto una.
Parlarne.

Con il tuo ragazzo, con la tua amica, con i tuoi colleghi, con tua figlia tuo figlio tua madre tua sorella.
Dai voce ai tuoi pensieri, buttali fuori, non necessariamente per risolverli, ma semplicemente per non tenerli lì a marcire.

Anche se si trattasse di parlarne da sola, fallo.
Guardati allo specchio e pronuncia ad alta voce tutto quello che ti turba e toglie serenità.
Perchè quando è fuori di te, un pensiero perde la sua forza ipnotica e smette di farti male.
Smette di roderti dentro.
Smette di avere potere su di te, diventa piccoletto e lo riesci ad affrontare.

E il verme che pensavi ti stesse girando in testa, scopri che in realtà altro non è che un bruco.
E i bruchi hanno una sola evoluzione possibile: diventare farfalle.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.